di Alessandro Desantis

In principio fu la Massa.

La Massa è il seme, il pilastro, il requisito. La potenza della Massa sta nel numero: tramite il numero, la Massa decreta il successo o il fallimento dei governi, delinea i binari su cui si muove la società, traccia il percorso da seguire. È una forza bruta, quella della Massa, eppure efficacissima, giacché inarrestabile e ineluttabile.

Solo dopo venne la Critica.

Con la chiarezza dei suoi ragionamenti, con la semplicità del suo linguaggio, con la nobiltà delle sue idee la Critica è, o si propone di essere, mezzo primo e fine ultimo di ogni moto, causa stringente ed effetto liberatorio di ogni rivoluzione, promettente protagonista e insieme lieto fine della bizzarra pellicola umana.

Dall’alleanza tra queste due potenze nasce la meraviglia. Dalla loro inimicizia sorge l’orrore. Non esiste nulla di tanto utile quanto una massa informata, ragionevole e ragionante. Non si trova nulla di tanto distruttivo quanto una massa infiammata dall’ira, confinata dal pregiudizio, schiavizzata dall’avidità.

È nostro compito in quanto uomini e cittadini assicurarci che le passioni della Massa non siano dirette al bene di pochi; che la loro ammirazione non si consumi per falsi idoli; che le loro idee non si formino nell’oscurità nebulosa dell’ignoranza, che avvolge e confonde tutto. È nostro dovere fare in modo che tutti quanti abbiano i mezzi per concorrere al benessere della società, da cui deriva necessariamente quello individuale.

Solo con un’informazione onesta, corretta e trasparente possiamo raggiungere quest’obiettivo. Ma non è sufficiente che sia corretta: perché funzioni, dev’essere potente. Deve sconvolgere senza (s)cadere nel cattivo gusto, attrarre senza invadere le menti, provocare senza perdersi in facili sentenze. Spunti di riflessione, non concetti. Esseri umani, non ideologie. Analisi ponderate, non processi. Offrire gli strumenti necessari per giungere al nobilissimo fine di un’esistenza pacifica, empatica e serena piuttosto che fomentare ulteriore odio e ulteriori divisioni.

Con questi propositi nasce Massa critica, un progetto del Coordinamento studenti X Municipio ideato, eseguito e coltivato dal collettivo studentesco del Liceo Scientifico Statale “Antonio Labriola”.

Massa critica è una pubblicazione gratuita e in costante aggiornamento. Abbiamo scelto Medium come piattaforma online per la già elevata qualità dei contenuti. Ci auguriamo di riuscire a portare un contributo significativo con articoli di approfondimento e d’opinione che siano esempi di acutezza e onestà intellettuale.

Massa critica abbraccia la diversità di opinioni ed è aperta a tutti coloro che volessero esprimere il proprio parere informato su temi di attualità e politica.

Ma soprattutto, Massa critica è un esperimento, e in quanto tale sarà senza dubbio soggetto a cambiamenti repentini nei metodi di divulgazione, fermi restando i principi alla base della sua origine. In aperto contrasto con la manipolazione della narrativa, vogliamo dimostrare che un’altra forma di giornalismo è possibile; un giornalismo che arricchisca l’esistenza umana, che sia strumento di riflessione e confronto piuttosto che un mero ricettacolo di slogan e schieramenti. Il giornalismo di cui l’Italia ha bisogno in questi tempi malsicuri.

Technology leader and strategic advisor. I work at the intersection of people, software and words.

Technology leader and strategic advisor. I work at the intersection of people, software and words.